Lettura dell’INCI: come sono fatti i cosmetici sicuri

Inci dei cosmetici sicuri

È molto importante sapere se i cosmetici che applichiamo sulla nostra pelle siano sicuri, proprio per questo è consigliabile saper leggere ed interpretare le etichette dei prodotti e il loro INCI.

Prendersi cura della pelle è un’esigenza fondamentale. Il primo step è scegliere i cosmetici giusti, leggendo l’etichetta per verificare che il prodotto sia naturale e che non contenga sostanze nocive o pericolose. 

Che cosa è l’INCI

I cosmetici vengono realizzati tramite un mix di ingredienti e la qualità delle materie prime impiegate fa davvero la differenza. Ogni consumatore ha la possibilità di controllare il contenuto dei cosmetici leggendo ed interpretando bene l’INCI (acronimo di International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) che ha la funzione di informare su tutti gli ingredienti contenuti nel prodotto.

L’importanza dell’etichetta dei cosmetici

Negli ultimi tempi è diventato sempre più importante conoscere gli ingredienti che applichiamo sulla propria pelle. E assolutamente consigliabile evitare formule contenenti: parabeni, siliconi e petrolati. Saper leggere le etichette ci aiuta nella corretta valutazione dei cosmetici sicuri.

Inizialmente la lettura potrebbe risultare complessa. Prima di tutto si deve sapere che L’INCI viene utilizzato al fine di elencare tutti gli ingredienti del prodotto. Le sostanze vengono elencate secondo un ordine decrescente che tiene conto della loro concentrazione. Tale criterio riguarda tutte quelle sostanze che hanno una concentrazione superiore o pari all’1%. Al contrario, le sostanze con una concentrazione inferiore vengono indicate nell’INCI in modo sparso.

Il linguaggio utilizzato

Una delle caratteristiche principali è proprio il linguaggio utilizzato per la denominazione di ogni ingrediente:

  • latino: viene utilizzato il latino per indicare gli ingredienti che sono stati inseriti nella formula assolutamente puri, senza modifiche chimiche. Dopo il nome latino solitamente c’è il nome che fa riferimento alla parte dell’ingrediente che viene utilizzata (ad esempio, nel caso di un frutto, viene specificato se è stata utilizzata la polpa, la radice o la buccia); 
  • (*): quando vedete un asterisco vicino al nome vuol dire che quel determinato ingrediente arriva da agricoltura biologica;
  • I nomi in inglese, invece, vanno ad indicare che l’ingrediente è di derivazione sintetica. I codici che vedrete vanno ad identificare i coloranti artificiali presenti nel prodotto;
  • la lista Color Index è una lista internazionale che prevede la sigla CI la quale viene accompagnata da una serie di 5 numeri.

Nell’INCI devono essere indicate obbligatoriamente sostanze che potrebbero provocare reazioni allergiche.

Il codice INCI è il medesimo per tutti i paesi appartenenti all’Unione Europea ed è stato utilizzato per la prima volta nel 1997 a seguito dell’indicazione della Commissione Europea per una tutela maggiore dei consumatori.

Cosa deve essere indicato sull’etichetta

Sull’etichetta troviamo anche altre indicazioni diverse dagli ingredienti. Prima di tutto vengono indicati nome e sede legale dell’azienda produttrice del prodotto di cosmesi. È importante anche la data che indica la scadenza del prodotto. In più, troverete anche un’indicazione che stabilisce la durata del prodotto dall’apertura. Questa viene rappresentato da un barattolo di crema aperto dove viene indicata la durata dell’efficacia del prodotto dopo l’apertura. Per informazione aggiuntiva, spesso all’interno del packaging troverete un foglio illustrativo. Infine, sulla confezione sono riportati anche lotto di fabbricazione e la funzione del prodotto.

Come capire dall’INCI se un cosmetico è sicuro

Una volta compreso come leggere correttamente l’etichetta di un cosmetico, occorre capire quali prodotti in particolare hanno un INCI buono. Per esempio, è sicuramente positivo il fatto che gli ingredienti siano tutti rispettosi dell’ambiente e non vi siano tra loro tensioattivi provenienti dal petrolio raffinato. Sono da evitare anche tutti quei composti sintetici che vengono impiegati per mescolare acqua e sostanze oleose che generalmente in natura non legherebbero. Insieme a questi ultimi anche i siliconi e i parabeni sono dannosi, perché possono impedire la corretta traspirazione della pelle.

Tutti i prodotti Oro di Spello sono realizzati con principi attivi ottenuti da purissimi ingredienti vegetali da agricoltura biologica e con l’olio extravergine di oliva, protagonista indiscusso della linea Oro di Spello. L’assenza di siliconi, petrolati e parabeni fa sì che siano adatti a tutti i tipi di pelle e che possano essere usati in tutta sicurezza. Oro di Spello produce cosmetici Made in Italy sicuri e clean. Nel luogo di origine, Spello, grazie al clima particolare e a un terreno ricco di pietra e terre rosse, una natura rigogliosa e fertile produce un’ampia gamma di specie vegetali, fiori e frutti ricchi di polifenoli, veri e propri antiossidanti naturali.

Alcuni tra gli ingredienti della linea skin care: olio extravergine di oliva biologico del frantoio di Spello: ha un effetto antiossidante, idratante e seborestitutivo; olio di girasole bio dal potere elasticizzante e antiossidante; estratto di fiori di calendula, lenitivo e protettivo; estratto di foglie di tè verde bio dall’azione protettiva; saccharide isomerate: molecola zuccherina a doppia azione idratante: istantanea & long time; burro di karitè bio, emolliente e protettivo; Vitamina E naturale, anti-age, protettiva; olio di sesamo bio fortemente nutriente; estratto di Fiori di malva bio dall’effetto lenitivo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *