Che cos’è la piramide olfattiva? La guida per capire un profumo

piramide olfattiva

I profumi sono composti naturali o sintetici, che possono presentarsi in forma volatile o gassosa.
Quando un profumo è nell’aria, i nostri sensi si attivano e danno luogo a quella che viene definita “rappresentazione olfattiva”, una reazione emotiva che associamo agli odori. Ti sarà capitato di provare una particolare emozione, o rievocare un determinato ricordo, quando percepisci una fragranza: questo meccanismo si attiva ogni volta che la corteccia olfattiva, la regione del cervello deputata all’elaborazione delle informazioni che provengono dall’olfatto, viene sollecitata.
Ma il mondo dei profumi non è solo chimica: per descrivere le fragranze spesso si utilizza il termine “nota“, una parola di derivazione musicale. L’accostamento alla musica evoca un’idea del profumo più emozionale e più vicina a quella che tanto ci fa sognare. Così come la composizione di una melodia, anche la creazione di un profumo è considerata arte.
Ogni profumazione è composta da una piramide olfattiva, ma che cos’è?

Piramide olfattiva: che cos’è?

La classificazione delle note olfattive che compongono un profumo vien chiamata piramide olfattiva.
Il primo ad utilizzare questo termine fu il profumiere francese Aimé Guerlain, che nel 1889 utilizzò la piramide olfattiva per descrivere la sua fragranza “Jicky”, che portava il soprannome di suo nipote.
La piramide viene utilizzata per evidenziare le modalità di evaporazione delle componenti di un profumo e la loro persistenza al naso. Ogni singola fragranza viene quindi classificata in base alla persistenza e all’intensità delle note che la compongono.
Riprendendo la similitudine con la musica, il concetto di piramide olfattiva potrebbe essere comparato a quello di una scala musicale, che comprende note più alte e note più gravi.
Le note olfattive, a seconda di come vengono miscelate tra loro, danno vita ad un’armonia percepita in modo diverso in base al momento in cui viene applicata sulla pelle.
Se vuoi comprendere davvero a fondo un profumo e scoprirne le caratteristiche e le tante sfumature, è importante conoscere la sua piramide olfattiva.

Come deve essere letta una piramide olfattiva

Per leggere una piramide olfattiva devi procedere dall’alto verso il basso; in questo modo potrai scoprire le numerose sfaccettature di una fragranza.
Scopriamo insieme quali sono le note che caratterizzano la piramide olfattiva.

Le note

I livelli della piramide olfattiva sono tre. A seguire li elenchiamo dal più leggero a quello più persistente.

  • Note di testa: sono quelle che vengono percepite subito, nel momento in cui il profumo viene a contatto con la pelle. Allo stesso tempo sono le più volatili in quanto svaniscono qualche minuto dopo l’applicazione. Generalmente in questo punto della piramide troviamo note agrumate e marine. Sono note fresche e leggere, che spesso associamo a freschezza e leggerezza.
  • Note di cuore: percepibili dopo qualche minuto, risultano più forti e marcate rispetto alle note di testa, di cui rappresentano lo sviluppo. Le note di cuore sono considerate la parte più calda che compone la fragranza. Dopo la prima nebulizzazione le note di cuore possono essere percepite anche ad ore di distanza, e sono spesso accordi olfattivi fioriti o fruttati.
  • Note di fondo: sono quelle più durature e persistenti. Rappresentano la base sulla quale poi viene costruita la fragranza. In alcune fragranze sono percepibili anche dopo 24 ore in base al ph della pelle. Le note di fondo, quindi, caratterizzano la profumazione e sono quelle dal carattere più deciso: speziate, legnose, cuoiate, orientali o ambrate. Queste note intense e durature dal carattere più deciso, rappresentano la personalità di un profumo.

Le tempistiche del profumo

Conoscendo le note che compongono la sua piramide olfattiva, non ti baserai sulla prima impressione per valutare un profumo!
Infatti, oltre al fatto che il Ph della pelle può influenzare gli accordi, non dovresti mai soffermarti sulle sole note di testa per capire se un profumo sia fatto per te.
Il profumo cambia con il passare del tempo e solo così si esprime nella sua totalità e nella sua personalità.
Concedi al profumo il tempo per svelare le sfumature dei suoi tanti aromi, anche se, quando lo indossi, non percepirai così nettamente l’evoluzione delle sue note.
Di fatto, le note di testa, di cuore e di fondo si rincorrono l’una con l’altra fino a raggiungere la loro armonia olfattiva naturale.
Dopo queste indicazioni sulla piramide olfattiva sicuramente  ´riuscirai a scegliere il tuo profumo con maggiore consapevolezza.

Profumo inFiore

Oro di Spello realizza prodotti eco-bio dermocosmetici, una linea unica che impiega ingredienti vegetali biologici 100% italiani.
Tra i prodotti potrai trovare il profumo inFiore, che però non è biologico, è un eau de parfum ed è ispirato alle famose Infiorate di Spello.
InFiore raccoglie un bouquet inconfondibile che, grazie alla freschezza e alla profondità della sua composizione, farà sì che chi lo indossa lasci un segno senza essere invadente.

La piramide olfattiva che compone il profumo inFiore è costituita da:

note di testa: Bergamotto, Pesca, Fragola, Cocco;
note di cuore: Rosa, Mughetto, Violetta, Eliotropio;
note di fondo: Sandalo, Legno Guaiaco, Crema Vaniglia.

Per valorizzare a pieno il profumo, potrai vaporizzarlo sui cinque punti caldi del corpo: la nuca, il collo, la parte posteriore dei lobi, il décolletté e i polsi.
In seguito tampona i polsi per far sì che il profumo duri più a lungo.

La fragranza delicata del profumo inFiore in formula ipoallergenica è presente in tutti i prodotti della linea Oro di Spello rendendoli unici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *